Viaggi

5 gennaio 2005

Tunisia 2007

Mercoledì 26/12/07
Partiamo alle ore 10 da Vicenza: il tragitto autostradale fino a Genova scorre veloce, anche l’imbarco sul traghetto della Grimaldi non comporta ritardi.
Gli equipaggi sono composti da:
NADIA E FRANCESCO su Isuzu D.Max
GIUSEPPE E CELESTINA su Nissan Navara
ALESSANDRA E MANUEL su Nissan Patrol GR
LORENA E FABIO su Toyota Land Cruiser 95
GIANLUCA E VILMA su Toyota Land Cruiser 95
PAOLO E IGOR su Nissan Terrano
FRANCESCO E GIORGIO su Isuzu Pick Up
FRANCESCO E DANIELE su Toyota Land Cruiser 90

Giovedi 27/12/07
Arriviamo al porto di La Goulette alle 16.00. Le pratiche doganali sono abbastanza veloci, ma non riusciamo a uscire dal porto prima delle 18. Ci dirigiamo a Nabeul dove pernottiamo.

Venerdì 28/12/07
Dopo colazione ci accingiamo a partire, ma il GR di Manuel comincia a fre i capricci e si accende la spia dell’alternatore, la batteria non si ricarica. Cerchiamo un meccanico e verso le 13 l’auto è sistemata e pronta per partire, la spesa Totale per la riparazione è stata di 50 Dinari.(riparazione dell’alternatore). Durante la riparazione abbiamo fatto uno spuntino e così appena pronti partiamo senza esitazione e alle 20 arriviamo al camping Desert Club di Douz: comincia a piovere e apriamo le nostre tende sotto l’acqua.
Anche nei giorni successivi il tempo sarà inclemente e le giornate di sole saranno solo un miraggio.

Sabato 29/12/07
Subito dopo colazione ritiriamo i permessi che ci permetteranno di viaggiare nel sud, in zona militare.
Facciamo le solite 15 fotocopie del permesso e quindi via veloci, il tempo continua a fare le bizze e piove: nel pomeriggio arriviamo a Ksar Ghilane.
La piscina naturale con l’acqua calda farebbe voglia di un bel bagno, ma la pioggia che scende scrosciante ci fa ricredere: riprendiamo la pista verso Ain Essbat e due ore dopo stiamo già aprendo le tende in quel campeggio.
Alla sera attorno al fuoco del campo Igor e Fabio daranno dimostrazione delle loro attitudini canore.

Domenica 30/12/07
Il nostro percorso prevede il passaggio da Kamour con la registrazione dei permessi e quindi via verso El Borma.
Non mancano passaggi tecnici e spettacolari piantate.
La sera al campo apriamo la tenda comunitaria e accendiamo il riscaldamento. (e si, memori del freddo patito gli anni precedenti, stavolta ci siamo attrezzati)

Lunedì 31/12/07
La discesa al sud continua con paesaggi sempre più suggestivi, con passaggi spettacolari, discese mozzafiato e sabbia, tanta sabbia. Il gruppo è affiatato e durante le inevitabili piantate tutti si danno da fare. Il sud della Tunisia ed in particolare il Grand Erg Orientale offrono quanto di meglio si può chiedere in termini di paesaggi e guida su sabbia.
Festeggiamo capodanno con una cena favolosa e mentre fuori sta piovendo noi siamo riparati dal nostro “capannone” riscaldato. Verso mezzanotte il tempo diventa clemente e riusciamo ad accendere un bel falò attorno al quale festeggiamo l’arrivo del nuovo anno.

Martedì 1/01/08
Continua a piovere, il che ci aiuta nella ns. guida, ma allo stesso tempo non ci fa gustare al meglio i paesaggi che man mano si susseguono alla ns. vista.
Alle 14.30 arriviamo all’oasi di Borji El Kadra, qualcuno di noi si fa una doccia ristoratrice, altri un buon the nel bar di Abdu. Quando stiamo decidendo se fare il campo il quel posto inizia a piovere alla grande, così preferiamo andare avanti e seguendo la linea immaginaria del confine Algerino ci dirigiamo a nord.

Mercoledì 2/01/08
Finalmente il sole, la giornata si presenta bellissima, ne approfittiamo per asciugare bene le ns. tende e qualcuno si mette sopra una duna sperando che il sole scaldi di più. Proseguiamo il ns. viaggio e verso le 15 giungiamo alla classica vasca a cubo e un’ora dopo siamo a El Borma. Rifornimento d’obbligo e quindi via verso Bir Aouin, la nostra destinazione sono due sorgenti in mezzo alle dune: lasciata la pista principale facciamo campo

Giovedì 3/01/08
Anche oggi il sole tiene lontane le nuvole. Raggiungiamo la prima pozza d’acqua e notiamo che le capanne viste in precedenti viaggio sono molte meno, forse qualcuno ha pensato di usare quella legna per riscaldarsi………………….mah !!!!!
Continuiamo il ns. percorso e alle 11.30 giungiamo al 2° laghetto, qui è d’obbligo una doccia ristoratrice. Il sole continua a scaldare e nonostante un po’ di vento la temperatura risulta finalmente gradevole.

Venerdi 4/01/08
La ns. risalita via dune giunge ormai al termine, passiamo Bir Aouine e Kamour, giungiamo poi al Desert club di Douz, la sera finalmente una cena di con carne alla brace annaffiata da buon vino.

Sabato 5/01/08
Partiamo di buon’ora, dobbiamo fermarci a El Jem per rivedere l’anfiteatro, quindi Sidi Bou Said e poi l’imbarco……….. eh si l’imbarco: la nave doveva partire alle 20 invece partiamo dopo le 2 di notte, ma questa è un’altra storia.

Viaggi